lunedì 16 aprile 2012

Donne contro L'Ilva di Valentina D'Amico. Per non dimenticare l'olocausto che la città di Taranto sta ancora offrendo alla voracità umana

L'esempio più lampante e sconcertante di come il sistema che vige nel nostro mondo non funziona. Non si può barattare la propria vita per un posto di lavoro. Per quel posto non si può rischiare di ammalarsi e morire prematuramente. Non si può sacrificare tutto per un piatto di minestra. Chi di voi lo farebbe?
Eppure in questo mondo, con queste regole e con la società e il governo delle vite che ne scaturisce può succedere anche di rinunciare all'unico passaggio sulla faccia della terra a noi consentito. Per un lavoro. In una società anarchica, dove la gente pensa davvero al proprio bene comune e non lo baratterebbe con nulla, tutto ciò non potrebbe accadere. Ma teniamoci il nostro stato, la nostra giustizia, i nostri morti e le nostre lacrime.
Fino a quando........


Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento